3. Lezioni di copywriting: il corso completo per imparare a redigere un testo

Benvenuti a copywriting

Corso di copywriting: Scrivi un articolo che funziona!

Sai che il copywriting è una tecnica essenziale nella logica di vendita? Che succede se tu e il tuo team avete buone competenze ma siete totalmente inesperti di copywriting?

Succede che non sarete mai in grado di trasmettere le vostre brillanti idee né di trarne i benefici. Può succedere che correte il rischio di perdere potenziali clienti perchè non siete in grado di esprimere al meglio le vostre conoscenze.

Innanzitutto, che sappiate scrivere un articolo non è sufficiente, dovete saperlo vendere! Altrimenti, molto probabilmente chi lo legge non diventa un cliente quindi non potete monetizzare il vostro blog.

Per valorizzarlo e renderlo irresistibile alla lettura, è imprescindibile quindi che con il tuo team sviluppiate questa tecnica di redazione.

E se siete bravi, beh…  questo vi aiuterà ad avere successo in ogni aspetto dell’Internet Marketing.

 

Spiegazione su perchè è importante il copywriting

 

Non preoccuparti, ho aiutato milioni di persone nella tua stessa situazione!

IL COPYWRITING è una tecnica che puoi apprendere. In che modo?

Con poche e semplici formule e tecniche ti mostrerò come puoi far si che una persona che visita casualmente il tuo sito si trasformi in un cliente e in un abbonato interessato. Ti mostrerò la chiave per poter scrivere un articolo in una forma efficace e accattivante, applicando questa semplice tecnica di copywriting.

 

COS’E’ IL COPYWRITING E PERCHÈ È IMPORTANTE?

Il Copywriting è il modo in cui riesci a trovare clienti attraverso le tue capacità redazionali e a monetizzare il tuo lavoro mediante la redazione di testi originali e persuasivi.

E perchè è importante?

Perché ti permette di:

  1. Scrivere Blog che raggiungano milioni di lettori.
  2. Fare Ricerca di Mercato per trovare, attraverso sondaggi, i tuoi potenziali clienti (avatar).
  3. Email Marketing: Scrivere oggetti mail che le persone visualizzeranno.
  4. Ottimizzare il Motore di Ricerca: Creando un contenuto ottimizzato con SEO, gli darai visibilità su Google e lo esporrai a un numero elevato di usuari.
  5. YouTube: Scrivere titoli e script per i video con cui attirare l’attenzione degli usuari.
  6. Facebook & Twitter: Creare post che attraggano le persone.
  7. Quora: Fare domande e risposte che siano ben votate.
  8. Reddit.
  9. Google Adwords: Scrivere annunci efficaci.

Il COPYWRITING è un qualcosa che puoi apprendere facilmente.

Ma come farlo?

Innanzitutto devi stabilire l’obiettivo del tuo articolo e porti queste due semplici domande.

A CHI ti stai rivolgendo e DI COSA stai scrivendo?

 

CHI è il tuo “BUYER PERSONA” o AVATAR?

Per scoprire chi è il tuo buyer persona, o “avatar”, devi immaginare la tipologia di persona a cui ti stai rivolgendo e metterti nei suoi panni.

Possiamo definire dunque l’Avatar come il tipo di persona che desideri avere come cliente, colui che probabilmente tornerà più volte per comprare il prodotto o il servizio che offri. Un Avatar in pratica descrive il tuo pubblico ideale.

[Video]

Per prima cosa, inizia a definire gli OBIETTIVI e i VALORI del tuo cliente ideale.

Mete e Valori

Diamo un nome al nostro Avatar; Peter ad esempio, e diamogli un lavoro ideale, tipo “marketing digitale”.

Quali sono le mete commerciali di Peter?

  • Aumentare il suo negozio di marketing online
  • Aumentare le sue abilità tecniche e di organizzazione
  • Ampliare le attività che già possiede.

Quali sono i valori di Peter?

  • Proseguire lo sviluppo professionale e corporativo del suo team
  • Fornire valori ai suoi clienti
  • Mantenere un comportamento onesto, secondo le regole del marketing etico “White Hat”.

Definisci le mete e i valori rilevanti per i prodotti e i servizi che offri. Utilizzare questa informazione ti permetterà di insegnare a Peter come beneficiare di:

  • Creazione di un prodotto
  • Email Marketing
  • Copywriting
  • Content Marketing

Sappiamo ad esempio che l’agenzia di Marketing di Peter è interessata a potenziare le competenze e l’organizzazione del suo team. Non sarebbe una cattiva idea inviare una mail a Peter per promuovere una formazione di Content Marketing, il cui oggetto sia:

“La tua agenzia è altrettanto buona quanto le tue competenze in Content Marketing”

E’ questo che deve attirare l’attenzione di Peter. Oltre alle “mail”, cosa legge Peter? Cosa consulta? Quali sono i posti migliori dove inserire le tue pubblicazioni perchè Peter possa vedere ciò che hai da offrirgli?

 

Che fonti di informazione è possibile che consulti Peter?

Una parte essenziale nella costruzione del tuo cliente ideale, avatar, è definire  “dove contattarlo ”.

 

target laser per il tuo cliente in copywriting

 

Per completare questa sezione, usa Google per cercare di capire se…

Il tuo cliente ideale leggerebbe questo o quel libro di nicchia.

Il tuo cliente ideale si abbonerebbe a questa o quella rivista di nicchia.

Il tuo cliente ideale parteciperebbe a questa o quella conferenza di nicchia.

Il tuo cliente ideale seguirebbe un certo “guru” di nicchia.

Ti sembra sempre più chiaro?

Con un maggiore acquisto di traffico da piattaforme pubblicitarie come Facebook, potrai concentrarti sul tuo Avatar in modo sempre più preciso (centra il bersaglio!), focalizzandoti su questi interessi di nicchia ed escludendo quelli meno rilevanti.

Per orientare bene il nostro obiettivo, dobbiamo stabilire:

 

  1. L’informazione demografica dei nostri AVATAR

Se conosci il Pay per click, questo processo non ti sembrerà strano.

Applicando le informazioni demografiche renderemo il nostro cliente avatar più reale.

Un altro trucco, quando scrivi testi di vendita, è semplicemente scrivere come se il tuo avatar fosse seduto lì di fronte a te. Con le informazioni demografiche, possiamo iniziare a connetterci davvero con il nostro Avatar.

 

descrizione delle caratteristiche del buyer perosna in copywriting

     

2. Quali sono le sfide e i timori di Peter?

 

immagine su sfide e timori in lezioni di copywriting

 

Ora che conosciamo il nostro potenziale cliente, possiamo iniziare a definire le tecniche di vendita per motivare il nostro Avatar a consumare i nostri servizi.

Quando vendiamo a Peter, iniziamo a usare un sistema di vendita chiamato S.P.I.N. Questo, allo scopo di offrire soluzioni ai tuoi problemi e utilizzare nei nostri messaggi di marketing un linguaggio che non solo menzioni questi problemi, ma li metta in evidenza. Ad esempio, la nostra email di vendita dovrebbe includere un testo come…

 

“Senti che potresti perdere la tua attività perché non stai offrendo i migliori servizi di Content Marketing? Mettiti all’avanguardia e formati con il nostro insegnamento professionale”

 

Con un simile messaggio otterrai di certo risposta, perché stai parlando di un problema reale, dell’implicazione di quel problema e di una soluzione. Parleremo del metodo S.P.I.N. più avanti, non abbiamo ancora finito di definire il nostro cliente.

 

  1. Ruolo nel processo di acquisto e possibili obiezioni

Le obiezioni sono le ragioni per cui il cliente può scegliere di NON acquistare o consumare il tuo prodotto o servizio. Sono fattori da considerare nel momento in cui devi applicare le tue strategie di marketing e commercializzazione. Le obiezioni possono sorgere per diversi motivi, i più comuni sono: la mancanza di conoscenza da parte del cliente o la mancanza di indagini preventive da parte del venditore.

Nel nostro esempio, dobbiamo chiederci, è Peter quello che decide quando comprare i tuoi servizi o deve consultare dei terzi? In altre parole; qual è il ruolo di Peter nel processo d’acquisto? Perché Peter dovrebbe scegliere di non acquistare il tuo prodotto o servizio? Le decisioni spettano a lui e noi dobbiamo tenerne conto.

 

ruolo e obiezioni nel processo di copywriting

 

Una volta identificata la persona giusta, devi focalizzarti sul tuo prodotto e sui possibili benefici del tuo avatar, devi pensare cioè al ruolo che potrebbe svolgere quel prodotto o servizio nella vita del tuo pubblico ideale.

Le domande a cui devi dar risposta sono:

  • Il tuo servizio si conforma a uno dei tuoi prodotti esistenti o esso può aiutarlo a offrire un prodotto nuovo?
  • La formazione interferirà con il programma di lavoro di Peter? (nel caso essa sia necessaria per l’uso del prodotto)
  • La promessa di profitti futuri supererà le perdite prodotte nel presente?

Pensa a una cosa: quanti venditori perdono il fiato parlando con la segretaria invece di parlare direttamente con chi prende le decisioni? Identificare e rivolgersi alla persona giusta nella stesura della tua proposta di vendita è fondamentale per il successo delle tue campagne di marketing e vendita.

 

  1. Crea molti avatar.

Inizia creandone uno. Ma non fermarti qui.

Una volta identificato e diretto, devi anche identificare i diversi segmenti all’interno di questo avatar, cioè più avatar con distinte caratteristiche all’interno dell’avatar principale.

Per qualsiasi segmento di mercato redditizio con una diversa serie di obiettivi, fonti di informazione o problemi, vale la pena creare un avatar cliente.

A continuazione troverai i fogli di lavoro Avatar (disponibili in entrambe le versioni maschile e femminile): usali per definire il tuo cliente ideale.

Scarica il Foglio di lavoro Avatar femminile. 

Scarica il foglio di lavoro Avatar maschile.

 

Evita di scrivere a un pubblico troppo ampio.

Inizia la tua ricerca creando un’immagine della buyer persona e una proposta di vendita unica. Verifica le ipotesi precedenti sui punti dubbi dei tuoi clienti raccogliendo i loro preziosi commenti attraverso sondaggi online e moduli di contatto.

 

Usa la tua conoscenza di copywriting per incoraggiare il tuo pubblico

Metti giù la penna un minuto…

Ora sai a chi stai scrivendo, ma devi anche avere un obiettivo ben definito. Se vuoi ottenere dei risultati, dovresti iniziare a stabilire degli obiettivi.

Stabilisci il tuo obiettivo prima di cominciare a scrivere. Ogni articolo ha un solo obiettivo. Che tipo di operazione vorresti compissero i tuoi lettori? Scaricare un PDF, compilare un form di iscrizione o un modulo email? Nella pagina non inserire nulla che possa distogliere i visitatori da questo obiettivo.

Ogni titolo, immagine, riga dell’oggetto, ecc. deve essere collegato al tuo buyer persona per convincerlo ad entrare in azione.

Molte persone difendono A.I.D.A e sostengono che è il modo più efficace per strutturare i tuoi testi di vendita. Senza dubbio è il modo migliore per iniziare.

A.I.D.A

 

aida sigla in lezioni di copywriting

 

Il modello AIDA è utilizzato nel marketing per descrivere i passaggi o le fasi dell’acquisto del consumatore, dal momento in cui nota un prodotto o servizio, al momento in cui decide di provarlo e comprarlo. È l’acronimo di attenzione, interesse, desiderio e azione. A seguire spieghiamo ciascuno di questi punti.

 

ATTENZIONE

Un titolo e una pagina attraente hanno un impatto positivo sui tuoi lettori, attirano la loro attenzione e li inducono a volerne sapere di più. Anche l’uso delle immagini è molto importante. L’ideale è che siano proprie, in caso contrario, che si possano usare gratuitamente.

 

Perché i titoli sono importanti? 

“In media, il titolo si legge cinque volte più del corpo del testo, quindi una volta scritto il titolo avrai già speso 80 centesimi del tuo dollaro.” — David Ogilvy.

 

percentuali nella lettura di immagine titolo disascalie sottotitolo paragrafo finale e corpo del testo, in copywriting

 

Ricorda: i titoli definiscono le aspettative del lettore per il resto dell’articolo.

 

CONSIGLI PER SCRIVERE TESTI MAGNETICI

Pratica. Se vuoi più clic, devi allenarti. Scrivi 25 titoli per ogni contenuto. Sei più creativo di quanto pensi.

 

A volte perdo 30-60 minuti prima di decidere qual è quello che funziona. E spesso torno indietro e lo cambio. Questo è quanto serve per scrivere un buon titolo:

Usa i numeri. Il motivo per cui così tanti editor usano numeri nei titoli è perché funziona. Attirano l’attenzione della gente, in particolare numeri come 93 o 42

Usa aggettivi evocativi.

  • facile
  • gratis
  • incredibile
  • imponente
  • assoluto
  • strano
  • semplice

 Crea una pubblicazione sotto forma di elenco.

Cerca di essere originale, utilizzando il seguente schema:

  • Scorciatoie
  • Inizio
  • Azioni
  • Errori
  • Idee
  • Metodi
  • Segreti
  • Trucchi

 

Usa: cosa, perché, come, chi, quando e dove.

Queste sono chiamate “parole di attivazione”. La maggior parte delle persone tende ad usare più “perché” e “come” perché il loro intento è spesso quello di persuadere o educare qualcuno.

 

Mostra al lettore un beneficio.

Scrivi di quanto sia importante per il tuo lettore questa pubblicazione. Per acquisire una nuova abilità promettigli un’esperienza nuova e unica…

Il tuo scopo è sfidare il tuo lettore a leggere l’articolo. Sii coraggioso, senza promettere l’impossibile. Sii seducente e pericoloso. E poi dai ciò che hai promesso.

 

Prova questa formula per scrivere titoli semplici.

Numero o parola di attivazione + Aggettivo + parola chiave + benefici

Esempio: riprendi l’argomento “impara il francese”. Potrei scrivere un articolo intitolato “Come imparare il francese senza problemi in 3 mesi” o “7 incredibili trucchi per imparare il francese in 3 mesi”.

  • Immagini gratuite.

Leggi il post sul mio blog che tratta proprio su come e dove cercare immagini gratis. Poi modificale con photoshop.

 

INTERESSE

Hai attirato l’attenzione di gran parte dei tuoi lettori? Hai preso un impegno tanto serio da convincerli a spendere un po’ di tempo per capire e comprare la tua idea? Bene, è qui che entra in gioco lo S.P.I.N.

 suscitare interesse nel pubblico in copywriting

S.P.I.N.

Il termine SPIN è l’acronimo di quattro diversi tipi di domande di vendita ideate per condurre un potenziale cliente a una vendita:

 

  • Domande su SITUAZIONE
  • Domande su PROBLEMA
  • Domande su IMPLICAZIONE
  • Domande su NECESSITA’-BENEFICIO

 

definizione dell'acronimo spin per copywriting

Dichiarazioni di situazione

Fai delle affermazioni sulla situazione per dimostrare che comprendi le circostanze del lettore e la sua precisa situazione, devi creare un’empatia e una relazione con il tuo lettore.

Torniamo all’esempio che abbiamo utilizzato durante l’articolo. Dunque abbiamo il nostro avatar che abbiamo chiamato Peter. Peter ha un’agenzia di marketing. Peter è interessato ad aumentare le capacità organizzative della sua squadra.

Per mostrare a Peter che capiamo la sua situazione, dobbiamo metterci nei suoi panni. A questo scopo, ci poniamo quelle domande che riteniamo possano essere rilevanti per lui. E diamo delle risposte. Queste domande possono essere:

  • Fai tu il tuo copywriting?
  • Esternalizzi il tuo copywriting?
  • Come viene monitorata la sua qualità?
  • Come mantieni una visione completa dell’impatto che i tuoi articoli hanno sui clienti?

Queste domande sono pensate per far sì che Peter rifletta sulla sua situazione attuale e si interroghi. Le risposte dovrebbero aiutarti a scegliere l’argomento dell’articolo e la creazione del contenuto.

Naturalmente, più ricerche fai prima di scrivere l’articolo (definendo passo passo il tuo “Avatar”), più efficaci e accurate saranno le tue domande.

 

Domande problematiche.

L’idea di fondo, le domande problematiche, è di rendere il candidato consapevole del fatto che esiste un problema o più di uno, e che deve essere risolto.

Queste domande sono efficaci perchè creano una connessione con il lettore. Il nostro obiettivo non è solo mostrargli che comprendiamo la sua situazione, ma che abbiamo anche una soluzione. Una soluzione efficace.

Proseguendo l’esempio di Peter, assumiamo che nella sua agenzia di marketing esternalizzi parte dei servizi di creazione di contenuti a dei freelancers. Potremmo fargli domande come:

 

  • Puoi sempre fidarti dei tuoi contatti esterni?
  • Sei sicuro della qualità e della pertinenza dei loro testi? E dei tuoi?
  • Pensi di essere bravo quanto i tuoi concorrenti?

 

Mostra che comprendi i suoi problemi: Implicazione

Condividi la tua esperienza personale. Forse la tua esperienza personale può essere utile a creare un rapporto più stretto con il lettore. Parla dell’esperienza del cliente.

Poi condividi le storie di persone nella sua stessa situazione.

Ora amplifica il tuo problema, preoccupalo o mostragli che puoi guadagnare di più. “Paura e Avidità“.

Le domande implicite sono ideate per evidenziare l’impatto del problema qualora non venga risolto.

Una domanda d’implicazione ben formulata dovrebbe far capire al lettore che è davvero necessario che il problema venga risolto, e che sia il prima possibile.

 

Esempi di domande di implicazione:

  • Se il tuo copywriting non è di alta qualità, qual è l’impatto sulle tue vendite?
  • L’Internet Marketing è un settore altamente competitivo. Quanto è importante stare al passo con un buon copywriting?
  • Il marketing su Internet evolve ogni giorno, le startup hanno il vantaggio di godere di tecniche sempre nuove. Possono toglierti possibili clienti perchè fanno un miglior copywriting?

* Fino a qui abbiamo analizzato le prime tre lettere di SPIN. L’ultima, appartenente alla necessità, fa parte del D (desiderio) del modello AIDA.

 

DESIDERIO

suscitare il desiderio come tecnica di copywriting

 

Fino ad ora ciò che hai fatto è stato generare interesse nel lettore mostrandogli che deve evolversi, però devi anche mostrargli che ciò che offri può aiutarli in un modo concreto.

 

Necessità di benefici

In questo passaggio dovresti porre delle domande al cliente che gli suggeriscano il beneficio che si può ricavare dall’acquisto del tuo prodotto o servizio.

Tali domande dovrebbero portarlo a visualizzare i risultati raggiungibili grazie a ciò che offri e incoraggiarlo ad ottenerlo. Bisogna portare il potenziale cliente a rendersi conto che la situazione può solo peggiorare se non viene risolta. Devi mostrare loro i possibili errori che stanno compiendo, dando loro una soluzione chiara. Quello che inizialmente è un problema da risolvere, deve diventare una necessità..

 

Esempi di domande sui bisogni:

  • “Cosa ne pensa di una soluzione che aumenti le visite e il numero di clienti del 20%?”
  • “Se le dico che può rendere la sua agenzia più importante di…?”
  • “Le piacerebbe poter controllare la qualità in tempo reale di ciò che si realizza nella sua agenzia?

 

Non far discorsi, fai domande, se la risposta nella loro testa è sì, hai quasi vinto.

Questo li aiuta a visualizzare la situazione già risolta per vedere la differenza tra ciò che hanno attualmente e ciò che potrebbero avere.

Perché queste domande funzionano? Perché l’acquirente specifica i benefici. Approfitta del fatto che il lettore è immerso nella lettura grazie a queste domande, e passa all’azione.

 

vantaggi e benefici per il cliente in copywriting

 

Alcuni blogger tradizionali credono nel modello FAB. Questo modello coniuga le caratteristiche e i benefici dei prodotti offerti. Pertanto, i prodotti dovevano avere caratteristiche specifiche che avrebbero garantito un beneficio specifico al nostro Avatar.

Al contrario, il vantaggio di S.P.I.N. è che aiuta il ​​cliente a prendere coscienza del suo problema che in quel momento diventa una necessità. Esiste pertanto una probabilità maggiore che le persone spendano soldi per una necessità.

 

AZIONE

imperativo categorico per il lettore in copywriting

 

Il CTA o call to action (chiamata all’azione) è l’indicazione finale al tuo lettore. Questa azione trasformerà il nostro pubblico potenziale in una clientela concreta.

Hai lavorato duramente fino ad ora. Hai catturato la loro attenzione, hai suscitato il loro interesse, creato desiderio. Non pensi che dovresti chiamarli all’azione adesso?

Che sia un link, un pulsante che porta all’acquisto, un abbonamento; la scelta è varia, a seconda della tua attività. Ma sarà quella la prova che sei riuscito davvero a trasformare il tuo potenziale pubblico in un cliente.

 

Suggerimenti per creare un invito all’azione irresistibile:

 

  1. CTA attraente.

Il tuo CTA dovrebbe catturare l’attenzione del tuo lettore. Usa un’associazione di colori. Il tuo blog ha un colore dominante? Se è così, usa il colore complementare nel CTA per attirare l’attenzione del lettore.

 

  1. Chiaro e convincente

Assicurati che la tua chiamata all’azione contenga la soluzione al problema o richieda una ricompensa.

 

  1. Posizionato correttamente

Il tuo invito all’azione dovrebbe occupare la “posizione principale” nella tua pagina o sul tuo blog. Questo include la parte superiore della barra laterale del tuo blog e la fine dei tuoi post. Perché queste zone sono ideali? La parte superiore della barra laterale del tuo blog è l’ideale per un CTA perché compare sopra la pagina web. E se è la prima cosa ad apparire, molti ci cliccheranno su immediatamente.

 

C’è un grande plugin per WordPress chiamato thrive che ti aiuterà a creare l’invito all’azione e ti aiuterà a metterlo nella posizione ottimale.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*